Professor Sandro Rossetti - Primario di Ortopedia Ospedale San Camillo di Roma - Specialista in traumatologia dello sport, dolori ginocchio, protesi anca, spalla, artroscopia, fattori di crescita piastrinici
Professor Sandro Rossetti
Primario Ortopedia Ospedale San Camillo Roma
Home
Il Professore
Ortopedia Moderna
Pubblicazioni
Rassegna Stampa
Comunicati Stampa
News&Events
Ortopedia Moderna
PROTESI
Protesi all'anca


- Ortopedia
- Traumatologia
- Traumatologia dello sport
- Fattori di crescita piastrinici
- Cellule mesenchimali

PROTESI
- La tecnica
- Protesi al ginocchio
- Protesi all'anca
- Protesi alla spalla

ARTROSCOPIA
- La tecnica
- Artroscopia al ginocchio
- Artroscopia al gomito
- Artroscopia alla spalla
- Artroscopia all'anca
- Artroscopia al polso
- Artroscopia alla caviglia
riabilitazione protesi anca

protesi anca

PROTESI ALL'ANCA - Prima dell'intervento
1. Perdere il peso in eccesso per evitare il sovraccarico dell’anca operata e del lato sano durante il recupero.
2. Smettere di fumare (per ridurre i problemi respiratori durante e dopo l’anestesia).
3. Controllare la presenza di eventuali infezioni latenti (ascessi dentari, cistiti, etc…).
4. Sospendere 3-5 giorni prima dell’intervento l’assunzione di farmaci antiaggreganti.
5. Dalla mezzanotte prima dell’intervento non si potrà né mangiare né bere.
Se possibile, nel mese precedente l’intervento, vi verrà prelevato del sangue (predepositi) per utilizzarlo come auto-trasfusione dopo l’intervento; nell’immediato periodo pre-operatorio vi verranno somministrati i farmaci necessari alla profilassi antibiotica e alla prevenzione delle tromboembolie periferiche (ATE).


PROTESI ALL'ANCA - Dopo l'intervento
1. Solitamente dopo l’intervento sono necessarie dell’emotrasfusioni: verrà utilizzato il sangue del recupero intraoperatorio, le sacche per autotrasfusione o sangue dell’emoteca.
2. Dopo l’impianto della protesi d’anca sono necessari alcuni giorni di riposo a letto.
3. E’ raccomandato l’uso delle calze elastiche per prevenire l’insorgenza di problemi circolatori.
4. In seconda giornata mobilizzazione e posizione seduta sul letto o in carrozzina.
5. Dalla III giornata è possibile, secondo le condizioni cliniche del paziente, riprendere la stazione eretta e iniziare il programma di recupero della deambulazione con il fisioterapista.
6. Inizierete a camminare con ausilio di bastoni canadesi.
7. Usate le stampelle sempre e fino a quando, nei controlli successivi, non sarete autorizzati ad abbandonarle: è molto importante per non sovraccaricare l’anca operata.
8. Dormite in posizione supina (a pancia in su).
9. Calzate scarpe con tacco basso.
10. Eliminate tutto ciò che può intralciare o rendere insicuro il cammino: tappeti.
11. Sedile per la vasca e rialzi per il WC.
12. Non chinarsi a raccogliere oggetti a terra con il ginocchio dell’arto operato esteso.
13. Non chinarsi in avanti quando si è seduti.
14. Non accavallare le gambe.
15. Non sedersi su sedili bassi con l’anca eccessivamente flessa.

<< protesi all'anca
Professor Sandro Rossetti - E-Mail: info@sandrorossetti.it

Protesi anca intervento, Riabilitazione protesi anca, Protesi Anca riabilitazione, intervento all'anca.

Copyright ©
All rights reserved
Xhtml Valid | CSS Valid
Powered by Vulcano s.r.l.@