Nuove frontiere dell’ortopedia moderna: i fattori di crescita

Da alcuni decenni le piastrine sono utilizzate in campo trasfusionale, come terapia di numerose patologie ematologiche e non, negli ultimi anni tuttavia l’ individuazione di particolari sostanze al loro interno, dette Fattori di Crescita Piastrinici, ha aperto nuove prospettive e applicazioni in campo medico e chirurgico.

Numerosi studi biochimici, hanno messo in evidenza che la liberazione dei fattori di crescita interviene nellostimolare la rigenerazione dei tessuti lesionati accelerando sensibilmente la guarigione.

Ognuno di tali Fattori identificati, agisce su una specifica linea cellulare, andando a coinvolgere il metabolismo del tessuto trattato con un’ azione antinfiammatoria e riparativa. Le piastrine, opportunamente concentrate con semplici metodiche di centrifugazione a bassa velocità, vengono prodotte a partire da donazioni autologhe (dello stesso paziente), e successivamente iniettate nella zona del corpo interessata. Il trattamento prevede tre infiltrazioni eseguite a distanza di 15 giorni l’una dall’altra. I campi di applicazione attuali sono molti, nella rigenerazione tissutale, in lesioni traumatiche acute a carico dei muscoli, tendini e capsule articolari, con guarigione più rapida del traumatismo.