Convegno sulla Chirurgia Protesica all’anca nel grande anziano: approccio…

Convegno

 

Chirurgia Protesica all’anca nel grande anziano: approccio multidisciplinare

15 Marzo 2013 – Aula Magna Ospedale Forlanini

Presidenti:
Rossetti S., Pallotta F., Cianfanelli M., Cursi F.

Il rapido aumento del numero delle persone anziane in tutto il mondo rappresenta una preziosa conquista dell’umanità, nonché il frutto dei successi della medicina. Nei prossimi 50 anni, si prevede che il numero delle persone anziane aumenterà dagli attuali 600 milioni a 2 miliardi.

 

Si tratta di una vera e propria rivoluzione demografi ca cui si deve rispondere adottando politiche efficaci che migliorino la salute, l’autonomia, la produttività, la sicurezza e l’inclusione sociale delle persone. Se ciò non accadesse si creerebbe un forte divario generazionale e le conseguenze negative da affrontare sarebbero gravi per tutti.

 

L’aumento dell’aspettativa di vita ha generato un problema sempre più impellente: la qualità di vita della popolazione anziana. Se i farmaci, da un lato, sono in grado di prolungare gli anni di vita, dall’altro possono peggiorarne la qualità. Un ruolo molto importante in tal senso è svolto dalla chirurgia ortopedica che per migliorare la qualità di vita dell’anziano sempre più di frequente ricorre alla protesizzazione di anca e del ginocchio, ma l’aumentata incidenza di questa chirurgia ha comportato anche l’aumento di interventi di riprotesizzazione per fallimento nel tempo dell’impianto o per frattura periprotesica…